Una breve presentazione sia del Comune di Penne che di Naide Della Pelle, Pennese di nascita e pennuta d'anima...
Natura Giuridica è un impresa di consulenza specializzata in servizi alle imprese: oltre alla consulenza in diritto dell'ambiente e dell'energia, propone anche consulenza in comunicazione web:
  • progettazione e realizzazione di piattaforme web
  • ottimizzazione di piattaforme web già esistenti
  • formazione per la gestione di piattaforme web
  • spazi per la tua pubblicità on line

Contatti: info@naturagiuridica.com

Incentivare la raccolta differenziata con una eco-tessera

>> lunedì 4 giugno 2012

Con il post di oggi sperimento una pratica che si chiama "cross posting", che vuol dire consigliare, all'interno di un blog, la lettura di un articolo contenuto in un altro blog. Nel caso specifico, si tratta di un cross posting che rimane "in famiglia", perché dalle pagine di Pennesi nel Mondo vi faccio atterrare su un altro blog del quale mi occupo, naturagiuridica.blogspot.com, ed in particolare su un articolo che ho scritto io stessa, e che tratta di ecotessere per la raccolta differenziata, un'iniziativa per incentivare questa pratica, messa in atto dal Comune e dai Cittadini di Alba (CN), città di circa 30.000 abitanti nota e arcinota per il famoso tartufo.
Il Comune ha emesso circa mille tessere cartacee, sulle quali possono essere apposti dei semplici timbri. Ogni volta che un cittadino si reca alla locale isola ecologica, il personale presente appone un timbro e, una volta completata la tessera, viene prenotato un premio, messo a disposizione dall'amministrazione stessa. Quest'anno, il comune di Alba ha messo in palio carnet di biglietti dei mezzi pubblici, ingressi presso la piscina comunale, tessere per i parcheggi blu e perfino ingressi per spettacoli teatrali. 
Si tratta di un'iniziativa a mio parere estremamente interessante, meritevole di essere copiata da tante, tantissime amministrazioni, perché in grado di incentivare, grazie ad un'iniziativa che premia - finalmente - i cittadini virtuosi piuttosto che punire quelli poco seri, la raccolta differenziata quando attuata in maniera massiccia e concreta.

Inoltre, si tratta di un'opportunità perché i cittadini apprendano che tipo di materiali e di piccoli ingombranti possono essere conferiti nella locale isola ecologica. Spesso, l'abbandono di rifiuti in discariche a cielo aperto, come per esempio a Penne presso le macchie di vegetazione sottostanti l'Area Belvedere, un punto del centro storico di Penne che dovrebbe essere "panoramico", è il frutto di una beata e pigra ignoranza, in base alla quale una vecchia poltrona, un freezer o un televisore che da anni ingombrano la cantina possono essere smaltiti solo imbrattando il verde pubblico. Peraltro, queste discariche vengono bonificate a spese dei contribuenti. Come immagine, quest'oggi ho scelto un video di Bruno Rugieri, con immagini di Amedeo Pomponi, che presenta alcuni degli scorci più belli di Penne, la città del mattone e non delle discariche.
Bookmark and Share

3 commenti:

Andrea Ciulli lunedì 4 giugno 2012 18:52:00 CEST  

Stupendo filmato che fa il paio con quello suggestivo della processione del Venerdì santo.
Sincerissimi complimenti!
ANDREA CIULLI

Anonimo martedì 17 luglio 2012 16:41:00 CEST  

temo che la raccolta differenziata sia una scemenza disastrosa, ovviamente applicata come lo è in vari comuni. Anzi probabilmente è solo un altro modo per fare business. Ci sono milioni di piccoli contenitori sparsi ovunque ad imbruttire le strade... e questi si rompono e vanno sostituiti, ma soprattutto vorrei sapere di quanto è aumentato il traffico E L'INQUINAMENTO dei piccoli mezzi che devono ritirare diversificatamente i piccoli contenitori ? invece dei grossi mezzi che ritiravano i grossi bidoni ? In questo modo la differenziata diventa più inquinante del vecchio metodo. Diverso sarebbe stato se si fossero istituiti dei centri di raccolta con compattatori per plastica, vetro, carta e matenuto i vecchi bidoni per tutto il resto. Si sarebbe risparmiato soldi e inquinamento e non ci sarebbero quelle brutture di bidoncini per le strade. Ognuno avrebbe potuto consegnare i rifiuti riciclabili quando vuole e non in precisi giorni e orari, ma soprattutto il ritiro si sarebbe effettuato con grossi mezzi con risparmio ecologico e di manodopera.... ma come avrebbero fatto poi le aziende che gestiscono i rifiuti a farsi pagare montagne di soldi ???

Naide Della Pelle martedì 17 luglio 2012 17:01:00 CEST  

Lei fa una serie di osservazioni parlando contemporaneamente di raccolta differenziata e raccolta dei rifiuti porta a porta, che sono due cose diverse. La seconda nasce perché nei centri storici non è possibile far passare i grandi automezzi, né installare grossi bidoni che sono antiestetici almeno tanto quanto i "bidoncini", come lei li chiama. Inoltre, Lei sembra parlare di un episodio specifico legato ad una particolare località, ma nel testo non la specifica. La invito inoltre a qualificarsi firmando il commento. NDP


Questo sito potrebbe utilizzare cookies di terze parti per migliorare la navigazione del sito. Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies.
In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser,
oppure uscire dal sito. Clicca su INFO per maggiori informazioni. ESCI per abbandonare.

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Pennesi nel Mondo è segnalato su:

BlogItalia - La directory italiana dei blog

arsitekartikelblog directorykitchen cabinets designpulsa

Dona il 5 per mille all'A.I.L.

Perché questo blog

I motivi che mi hanno spinto ad aprire questo blog, dedicato a tutti i Pennesi nel mondo, sono descritti nel post perché aprire questo blog .

Pennesi nel Mondo

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L'amministratore del blog, pur mantenendo costante azione preventiva, non ha alcuna responsabilità per gli articoli, siti e blog segnalati e per i loro contenuti. Ogni commento inserito nei post viene lasciato dall'autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale. Le foto ed i video contenuti in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono copyright dei rispettivi autori/agenzie/editor.

Di cosa mi occupo

Sono co-fondatrice di "Natura Giuridica di Andrea Quaranta - servizi alle imprese" impresa di consulenza specializzata in assistenza giuridica in ambito ambientale (diritto dell'ambiente e dell'energia) e progetto web integrato che comprende il sito www.naturagiuridica.com e il blog naturagiuridica.blogspot.com.
Andrea Quaranta è giurista ambientale e propone servizi di consulenza ambientale, assistenza ambientale e pareri in materia di diritto ambientale, per imprese, P. A. e privati Cittadini. Natura Giuridica si occupa inoltre di comunicazione ambientale e corsi di formazione su tematiche ambientali.

  © Blogger templates Sunset by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP