Una breve presentazione sia del Comune di Penne che di Naide Della Pelle, Pennese di nascita e pennuta d'anima...
Natura Giuridica è un impresa di consulenza specializzata in servizi alle imprese: oltre alla consulenza in diritto dell'ambiente e dell'energia, propone anche consulenza in comunicazione web:
  • progettazione e realizzazione di piattaforme web
  • ottimizzazione di piattaforme web già esistenti
  • formazione per la gestione di piattaforme web
  • spazi per la tua pubblicità on line

Contatti: info@naturagiuridica.com

Cuculetto il brigante di Penne

>> venerdì 6 maggio 2011

Cuculetto, di Luciano Gelsumino.
E' da poco uscito un libro che ricostruisce la vera storia del brigante di Penne Emidio D'angelo detto Cuculetto. Il libro, scritto da Luciano Gelsumino, prende le distanze dalle dicerie popolari sorte attorno alla storia di questo personaggio, macchiatosi di almeno 2 omicidi senza contare i furti e le aggressioni, ed anche dal dramma teatrale che ne romanza le vicende (di cui è autore Giuseppe Mariani). 
L'autore al contrario, per sua stessa ammissione da sempre affascinato dalla vicenda di Cuculetto,  utilizza fonti documentali provenienti dall'rchivio di Stato di Teramo e da quello Storico del Comune di Penne, per restituirci la cronologia dei fatti realmente accaduti, contestualizzando una vicenda che fa parte sì della storia della Città di Penne,  ma che è rappresentativa di quanto avveniva in tutto il Centro e Sud Italia a cavallo dell'Unità. 
La vicenda di Cuculetto si svolge infatti negli anni immediatamente seguenti all'Unità (il brigante è nato nel 1843), in un contesto sociale fortemente turbolento, nel quale le proteste per l'aumento del prezzo del pane sfociano in  episodi di violenza.  
Il libro di Luciano Gelsumino cita gli atti processuali e dai documenti si apprende come il contesto familiare del giovane Emidio fosse particolarmente degradato: anche il padre si era macchiato di diversi crimini, ed in generale la famiglia D'Angelo - costituita da padre, madre, Emidio ed altri 4 figli - era conosciuta a Penne per il fatto di non rispettare la legge. 
Emidio veniva chiamato Cuculetto, piccolo cuculo, per via del soprannome del padre Tommaso, noto come "Tumassin Chicul". Peraltro, questo soprannome è tutt'oggi uno di quelli tipici di Penne. Cuculetto è un bandito o brigante ottocentesco: le sue malefatte fanno sì paura alla gente (che quando lo sa latitante evita di uscire di casa nelle ore notturne per paura di incontrarlo), ma sotto sotto il popolo tifa per lui, in quanto antagonista del prelato Perrotti, ricco quanto avaro, e bugiardo. E' lui che commissiona il primo omicidio, quello che costa a Cuculetto la condanna a 20 anni di lavori forzati. E' lui, la sua ricchezza, le sue terre, che la gente disprezza, perché invidia. 
Anch'io fui affascinata dalla storia di Cuculetto quando lessi il dramma teatrale scritto da Luciano Mariani, e mi lasciai incantare dal dramma nel dramma: la fame e gli stenti che la famiglia di Cuculetto pativa nella Penne post unitaria. Una testimonianza locale dunque di quel dramma che tutto il Sud Italia visse a cavallo dell'Unità. Un tema che ricorre periodicamente per giustificare il mai compiersi di un vero sviluppo economico nel Sud del nostro Paese. 
Eppure, dalla lettura del libro emerge una situazione più sfaccettata, nella quale un giovane proveniente da una famiglia degradata non pare mai minimamente porsi il problema di scegliere di vivere sencondo la legge oppure contro la legge. La seconda opzione appare una scelta obbligata, ed il destino di un giovane spiantato come Cuculetto è scontato: dopo il primo omicidio, commetterà altri reati, e passerà la vita tra il carcere e la latitanza. Vecchio, tornerà a Penne a trascorrere i suoi ultimi anni, assistito, come quando era latitante nelle campagne, dal buon cuore dei Pennesi.

Bookmark and Share

0 commenti:


Questo sito potrebbe utilizzare cookies di terze parti per migliorare la navigazione del sito. Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies.
In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser,
oppure uscire dal sito. Clicca su INFO per maggiori informazioni. ESCI per abbandonare.

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Pennesi nel Mondo è segnalato su:

BlogItalia - La directory italiana dei blog

arsitekartikelblog directorykitchen cabinets designpulsa

Dona il 5 per mille all'A.I.L.

Perché questo blog

I motivi che mi hanno spinto ad aprire questo blog, dedicato a tutti i Pennesi nel mondo, sono descritti nel post perché aprire questo blog .

Pennesi nel Mondo

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L'amministratore del blog, pur mantenendo costante azione preventiva, non ha alcuna responsabilità per gli articoli, siti e blog segnalati e per i loro contenuti. Ogni commento inserito nei post viene lasciato dall'autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale. Le foto ed i video contenuti in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono copyright dei rispettivi autori/agenzie/editor.

Di cosa mi occupo

Sono co-fondatrice di "Natura Giuridica di Andrea Quaranta - servizi alle imprese" impresa di consulenza specializzata in assistenza giuridica in ambito ambientale (diritto dell'ambiente e dell'energia) e progetto web integrato che comprende il sito www.naturagiuridica.com e il blog naturagiuridica.blogspot.com.
Andrea Quaranta è giurista ambientale e propone servizi di consulenza ambientale, assistenza ambientale e pareri in materia di diritto ambientale, per imprese, P. A. e privati Cittadini. Natura Giuridica si occupa inoltre di comunicazione ambientale e corsi di formazione su tematiche ambientali.

  © Blogger templates Sunset by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP