Una breve presentazione sia del Comune di Penne che di Naide Della Pelle, Pennese di nascita e pennuta d'anima...
Natura Giuridica è un impresa di consulenza specializzata in servizi alle imprese: oltre alla consulenza in diritto dell'ambiente e dell'energia, propone anche consulenza in comunicazione web:
  • progettazione e realizzazione di piattaforme web
  • ottimizzazione di piattaforme web già esistenti
  • formazione per la gestione di piattaforme web
  • spazi per la tua pubblicità on line

Contatti: info@naturagiuridica.com

La nobiltà a Penne: la Famiglia Aliprandi

>> martedì 1 marzo 2011

Stemma della fam. Aliprandi
"La nobiltà a Penne era d'importazione. Un ceto nobile locale non esisteva, e la cultura (Luca da Penne, Muzio Pansa, Cola Giovanni Salconio) è stata prodotta dai ceti borghesi. Diverse le sue origini. Un po' è guerriera: si trattava di difendere la parte situata al nord-oriente del Regno di Napoli. Anche a L'Aquila si è venuta a determinare la  stessa situazione". Così parla Aleardo Rubini, a proposito della nobiltà pennese nel suo volume "Storia di Penne" del 1988, Fortunato Ambrosini Editore - Penne. Fra le famiglie citate nel testo, vi sono gli Aliprandi, venuti al seguito di Margarita D'Austria in qualità di tesorieri.
Il capostipite degli Aliprandi a Penne fu Giovanni, fiammingo (su questo punto, controverso, vedi anche l'articolo "origini della famiglia Aliprandi"). "Nel Cinquecento il loro stemma era una semplice aquila incoronata con la testa volta a sinistra e le zampe aperte. Nel Seicento l'originario scudetto d'argento con l'aquila nera fu messo su scudo gheronato di rosso e d'argento. Lo  stemma è stato ricostruito su un esemplare del secolo XIX, affrescato sotto l'altare principale (v. foto sotto) della cappella gentilizia annessa al Palazzo Aliprandi. Uno stemma in pietra del 1648 è sul balcone sopra il portale della Cappella", tratto da Penne Capitale Farnesiana - Lo Stato Aprutino di Margarita D'Austria, di Candido Greco - Cassa Rurale ed Artigiana di Castiglione Messer Raimondo editore. Una ricostruzione a colori con relativa blasonatura stata fornita dal dott. Daniele Aliprandi.
Cappella S. Antonio da Padova
Il palazzo Aliprandi a Penne dà con la facciata principale su Via Martiri Pennesi e con quella laterale su Corso dei Vestini. Risale al 1773, e fu costruito su altri edifici esistenti fin dal 1600. Lo stile è barocco e l'edificio sorge attorno ad un ampio cortile cui si accede da un imponente portale con arco a tutto sesto, dove è ancora ben visibile lo stemma di famiglia. Il palazzo è a 3 piani, ed aveva la classica suddivisione dei palazzi nobiliari: al piano terra i magazzini, le cantine e le scuderie; al piano superiore le stanze riservate all'amministrazione e alla servitù; al secondo piano abitavano invece i nobili. Il palazzo è chiamato anche De Sterlich - Aliprandi perché Filippo Aliprandi sposò una De Sterlich.

Al palazzo è annessa la cappella cui prima accenavo, opera del  milanese Piazzola e dedicata a Sant'Antonio da Padova. Al momento, questo gioiello versa in pessime condizioni. Riccamente decorata, assomiglia quasi ad un teatro. In effetti la Chiesa ha una balconata interna che corre tutt'attorno al suo perimetro ed è ricoperta da una cupola, ben visibile da Colle Castello.
Le origini degli Aliprandi sono fatte risalire ai re Longobardi, in particolare a Liutprando o a Ildebrando. Fra gli Aliprandi illustri, Giovanni appunto, maggiordomo e tesoriere della Duchessa Margherita, Gregorio che fu governatore di Penne e Domenico Aliprandi, comandante di cavalleria sotto il regno di Carlo VI. Pare che questa famiglia, nel corso del tempo, abbia compiuto varie opere di liberalità a favore delle classi povere.

Fonti: oltre a quelle citate,
  • per l'immagine di Palazzo Aliprandi, Amedeo Pomponi
  • per le immagini della Cappella, Carlo Pilone (nell'ambito della Mostra Fotografica Penne: I Luoghi del Sacro).
  • Penne: palazzi, eleganza, nobiltà, natura, eroismo di ins. Lina Frattarola e Fernanda Marcotullio in collaborazione con le classi quarta B e quinta A  - A.A. 1987/88  della Scuola Carlo Pensa di Penne.
  • Aleardo Rubini,  Storia di Penne  Fortunato Ambrosini Editore, Penne, 1988.
Bookmark and Share

0 commenti:


Questo sito potrebbe utilizzare cookies di terze parti per migliorare la navigazione del sito. Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies.
In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser,
oppure uscire dal sito. Clicca su INFO per maggiori informazioni. ESCI per abbandonare.

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Pennesi nel Mondo è segnalato su:

BlogItalia - La directory italiana dei blog

arsitekartikelblog directorykitchen cabinets designpulsa

Dona il 5 per mille all'A.I.L.

Perché questo blog

I motivi che mi hanno spinto ad aprire questo blog, dedicato a tutti i Pennesi nel mondo, sono descritti nel post perché aprire questo blog .

Pennesi nel Mondo

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L'amministratore del blog, pur mantenendo costante azione preventiva, non ha alcuna responsabilità per gli articoli, siti e blog segnalati e per i loro contenuti. Ogni commento inserito nei post viene lasciato dall'autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale. Le foto ed i video contenuti in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono copyright dei rispettivi autori/agenzie/editor.

Di cosa mi occupo

Sono co-fondatrice di "Natura Giuridica di Andrea Quaranta - servizi alle imprese" impresa di consulenza specializzata in assistenza giuridica in ambito ambientale (diritto dell'ambiente e dell'energia) e progetto web integrato che comprende il sito www.naturagiuridica.com e il blog naturagiuridica.blogspot.com.
Andrea Quaranta è giurista ambientale e propone servizi di consulenza ambientale, assistenza ambientale e pareri in materia di diritto ambientale, per imprese, P. A. e privati Cittadini. Natura Giuridica si occupa inoltre di comunicazione ambientale e corsi di formazione su tematiche ambientali.

  © Blogger templates Sunset by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP